MENU

Città di Aprilia

Autorizzazione allo scarico

Autorizzazione allo scarico delle acque reflue nelle zone non servite da pubblica fognatura (a.e. inferiore a 50)

Ambito di applicazione

Ai sensi del Dlgs. 152/2006, art. 124, tutti gli scarichi di acque reflue domestiche derivanti da abitazioni private che non recapitano in pubblica fognatura devono essere preventivamente autorizzati.
L’autorizzazione è rilasciata al proprietario dell’insediamento da cui ha origine lo scarico ed è valida per quattro anni dal momento della data del rilascio.

Richiesta di autorizzazione allo scarico

La richiesta di:

  • autorizzazione allo scarico;
  • rinnovo dell’autorizzazione;
  • nulla osta alla realizzazione dell’impianto;
  • presa d’atto ( Titolo IV art. 13 lettera C del Regolamento);

Deve pervenire esclusivamente attraverso lo sportello Ambiente ed Ecologia presente sul sito istituzionale del Comune di Aprilia.
Qualsiasi altra modalità di invio verrà archiviata d’ufficio e ritenuta irricevibile.

Rinnovo

Il rinnovo dell’autorizzazione deve essere richiesto entro 6 mesi prima della scadenza della stessa o al massimo entro 30 giorni lavorativi prima della scadenza pagando i diritti di istruttoria in via d’urgenza.
Nel caso in cui l’autorizzazione non venga rinnovata entro i termini, dovrà essere ripresentata una richiesta di AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO.

Marca da bollo

La richiesta di:

  • autorizzazione allo scarico;
  • rinnovo dell’autorizzazione;
  • nulla osta alla realizzazione dell’impianto;

deve essere corredata di n. 2 marche da bollo da €. 16,00 (una per la richiesta e l’altra per il titolo da rilasciare).
Il numero delle marche da bollo verrà specificato nella determinazione dirigenziale.

Diritti di istruttoria

La richiesta di:

  • autorizzazione allo scarico;
  • rinnovo dell’autorizzazione;

è soggetta al pagamento dei diritti di istruttoria quantificati in:

  • €. 50,00 – il procedimento verrà concluso in via ordinaria entro 90 giorni lavorativi, in assenza di richieste di integrazione documentale e in caso di impianto conforme alla normativa;
  • €. 250,00 – il procedimento verrà concluso in via d’urgenza entro 30 giorni lavorativi in assenza di richieste di integrazione documentale ed impianto conforme alla normativa.

Sanzioni – Art.25 del regolamento

  • Chiunque, ai sensi dell’art. 133 del D.Lgs. 152/06, salvo il fatto che costituisca reato, nell’effettuazione di uno scarico superi i valore limiti di emissione fissati nelle tabelle di cui all’ALLEGATO 5 della parte 3° del D.lgs., oppure i diversi valore limiti stabiliti dalla Regione, o quelli fissate dalle autorità competenti, è punito con una sanzione amministrativa da €. 3.000,00 a €. 30.000,00;
  • Se l’inosservanza dei valori limite riguarda scarichi recapitanti nelle aree di salvaguardia delle risorse idriche destinate al consumo umano di cui all’art. 94 del D.lgs. 152/06, oppure i corpi idrici posti nelle aree protette di cui alla vigente normativa, si applica una sanzione amministrativa non inferiore ad €. 20.000,00;
  • Chiunque apra o comunque effettui scarichi di acque reflue domestiche o di reti fognarie, servite o meno da impianti pubblici di depurazione, senza l’autorizzazione di cui all’art. 124 del D.lgs., oppure continui ad effettuare o mantenere detti scarichi dopo che l’autorizzazione sia stata sospesa o revocata, è punito con la sanzione amministrativa da €. 6.000,00 a €. 60.000,00.
    Nell’ipotesi di scarichi relativi ad edifici isolati adibiti ad uso abitativo, la sanzione amministrativa è da €. 600,00 a €. 3.000,00;
  • Chiunque, salvo che il fatto costituisca reato, al di fuori delle ipotesi di cui al punto 1 di cui sopra, effettui o mantenga uno scarico senza osservare le prescrizioni indicate nel provvedimento di autorizzazione o fissate ai sensi dell’art. 107 c.1 del D.lgs., è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da €. 1.500,00 a €. 15.000,00.
  • I proventi delle sanzioni amministrative sono incassati dall’ente competente all’applicazione delle relative sanzioni, restano fermi i vincoli di destinazione disposti dall’art. 136 del D.lgs.152/2006;
  • Chiunque ometta di:
      • rispondere a questionari;
      • rispondere a richieste di integrazioni;
      • effettuare le dovute comunicazioni specificate nell’ atto dirigenziale;
      è soggetto ad una sanzione amministrativa pecuniaria da €. 50,00 a €. 500,00.

Pagamento della sanzione in misura ridotta

Ai sensi dell’art. 16 della L. 689 del 1981 è ammesso il pagamento in misura ridotta pari ad un terzo del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa o, se più favorevole, al doppio del minimo della sanzione prevista, oltre alle spese del procedimento, entro il termine di sessanta giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notificazione degli estremi della violazione.

Riferimenti normativi

Dlgs. 152/2006 e la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 del 28.07.2016, con la quale l’Amministrazione Comunale ha approvato il Regolamento di autorizzazione agli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate in aree non servite da pubblica fognatura.

Regolamento autorizzazione agli scarichi – delibera c.c. 34 del 2016

CRITERI E INDICAZIONI TUTELA RISORSA IDRICA

DCR N. 42 DEL 2007 PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE

DGR N. 440 DEL 2015_DOCUMENTO PROPEDEUTICO PTAR

DGR LAZIO N.219 DEL 2011 CARATTERISTICHE IMPIANTI

NORME DI ATTUAZIONE

NOTA TECNICA GEOLOGICA

DETERMINA ATTIVAZIONE SPORTELLO ECOLOGIA n.25-2019

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE – N.T.A.

da scaricare dal B.U.R.LAZIO del 20/12/2018 – N. 103 – Supplemento n. 3 la DELIBERAZIONE CONSIGLIO REGIONALE 23-11-2018, n. 18 – Aggiornamento del P.T.A.R. in attuazione del D.Leg.vo n.152-2006 e s.m.i. adottato con D.G.R. n.819-2016 

 

Modulistica

Gli allegati di cui al regolamento comunale approvato con deliberazione di C.C. n.34/2016, sono sostituiti integralmente attraverso l’inserimento dei dati direttamente sullo SPORTELLO ECOLOGIA ENERGIA AMBIENTE, gli unici allegati non informatizzati, consultabili e scaricabili anche sullo Sportello, sono i seguenti:

ALLEGATO B RELAZIONE TECNICA

ALLEGATO C SCHEDA DI RIEPILOGO RELAZIONE GEOLOGICA

ALLEGATO D CONFORMITA_NUOVA AUTORIZZAZIONE

ALLEGATO E  CONFORMITA_RINNOVO

ALLEGATO F PROCURA TELEMATICA INVIO

ALLEGATO H PREDISPOSIZIONE DOCUMENTAZIONE