MENU

Città di Aprilia

Coronavirus: FAQ – Domande & Risposte

Come affrontare l’emergenza Coronavirus che il nostro Paese sta vivendo. Ecco una piccola raccolta di domande & risposte che può aiutare ad orientarsi. La sezione è in costante aggiornamento.

Quali sono le misure previste?

Il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 9 marzo estende a tutto il territorio nazionale le misure previste dal DCPM dell’8 marzo all’art. 1. In sostanza, tali disposizioni prevedono la sospensione di tutte le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle università fino al 3 aprile, la chiusura di palestre, centri sportivi, cinema, teatri, biblioteche e discoteche, di tutti i negozi di vendita al dettaglio e di tutti i servizi alla persona, ad eccezione di vendita di generi alimentari, farmacie e parafarmacie, tabaccai, benzinai e aree di servizio, edicole, servizi bancari, assicurativi e finanziari. Nei pochi esercizi commerciali ancora aperti, gli ingressi sono contingentati per consentire il rispetto delle distanze di sicurezza.
In generale, sono vietati gli spostamenti, se non per comprovate esigenze di lavoro o particolari condizioni di necessità.
Il DPCM del 22 marzo 2020 ha ristretto ancora di più il perimetro delle attività che possono continuare a rimanere aperte. Un elenco completo dei relativi codici ATECO è disponibile cliccando qui (cliccare su Allegato 1).

Cosa posso fare per ridurre il contagio?

  • Non uscire di casa, se non per esigenze lavorative o sanitarie, oppure in situazioni di estrema necessità
  • Se entri in contatto con altre persone, mantieni sempre una distanza di sicurezza di almeno uno o due metri. Evita abbracci e strette di mano.
  • Lavati spesso le mani, limitando la presenza di monili che ostacolano un corretto lavaggio, come anelli o bracciali. Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  • Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci. Utilizza sempre un fazzoletto di carta da buttare immediatamente in un contenitore chiuso o, se ne sei sprovvisto, utilizza la piega del gomito
  • Evita contatto ravvicinato con persone con sintomi respiratori

In fondo alla pagina è disponibile un avviso dettagliato, con le 10 azioni indicate dal Ministero della Salute tradotte anche in lingua inglese, francese, arabo, bangla, cinese, punjabi e urdu (pubblicazione realizzata dal Distretto Socio-Sanitario LT1 nell’ambito del Progetto “Prima il Lavoro” – Bandi FAMI).

Posso andare a fare la spesa?

Sì, ma solo in prossimità della propria residenza/domicilio, rispettando gli ingressi contingentati imposti dai titolari dei negozi alimentari e limitandosi comunque ad una persona per nucleo familiare. Non è consentito recarsi in esercizi commerciali presso altri Comuni, anche limitrofi. Ricorda che tutti gli esercizi commerciali, ad eccezione di farmacie e parafarmacie, sono aperti dalle ore 08:30 alle ore 19:00. La domenica, invece, l’orario di apertura è dalle ore 08:30 alle ore 15:00.
Se vuoi, qui puoi vedere gli esercizi commerciali che ad Aprilia hanno attivato la consegna a domicilio dei propri prodotti.

Come posso fare con la spesa se sono impossibilitato a recarmi presso il supermercato?

I cittadini che ne avessero bisogno (anziani soli, persone con disabilità o condizioni familiari tali da non potersi spostare) possono contattare il numero telefonico del Segretariato Sociale 06 92018612 (dal lunedì al venerdì ore 9:00-13:00 e il martedì e il giovedì anche dalle 15:30 alle 17:30), oppure il numero verde del Pronto Intervento Sociale 800 090 221 (attivo H24).
Il Comune di Aprilia raccomanda di chiamare solo in presenza di oggettivi impedimenti, anche al fine di non intasare le linee telefoniche.
Qui trovi, invece, gli esercizi commerciali che ad Aprilia hanno attivato la consegna a domicilio dei propri prodotti.

Posso andare a casa di amici per cena o durante la giornata?

No, gli spostamenti sono consentiti solo per motivate esigenze lavorative, in situazioni di assoluta necessità o per motivi di salute.

Sono un nonno/nonna che deve andare all’interno del Comune o in altro Comune a tenere i nipoti perché i miei figli vanno a lavorare, posso andare?

Sì, questo tipo di spostamento è consentito perché rientra tra le situazioni di assoluta necessità.

Sono un genitore separato, posso andare a prendere mio figlio a casa dell’altro genitore?

Sì, questo tipo di spostamento è consentito perché rientra tra le situazioni di assoluta necessità.

Sono un lavoratore dipendente, posso recarmi sul posto di lavoro?

Si, sono consentiti gli spostamenti per motivi di lavoro. In fondo alla pagina puoi trovare il modulo di autocertificazione da compilare per comprovare la necessità dello spostamento.

Sono un artigiano/libero professionista/lavoratore autonomo, posso spostarmi per lavoro?

Si, sono consentiti gli spostamenti per motivi di lavoro. In fondo alla pagina puoi trovare il modulo di autocertificazione da compilare per comprovare la necessità dello spostamento.

Sono un libero professionista, posso spostarmi liberamente?

Sì, ma solo per comprovate esigenze lavorative dimostrabili.

Ho i genitori anziani da accudire posso recarmi a casa loro?

Sì, questo tipo di spostamento è consentito perché rientra tra le situazioni di assoluta necessità.

Le ludoteche sono chiuse?

Sì, sono sospesi tutti i servizi educativi per l’infanzia: nidi, scuole dell’infanzia, ludoteche, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesti domiciliari, le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle università. Sono esclusi dalla sospensione i corsi post-universitari per l’esercizio di professioni sanitarie.

I viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche sono sospesi?

Sono sospesi tutti i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, comprese le fasi distrettuali, provinciali o regionali dei campionati studenteschi programmate dalle istituzioni scolastiche. La sospensione vale chiaramente fino al 3 aprile 2020, ovvero per tutto il periodo di chiusura delle scuole.

Il provvedimento di sospensione vale anche per le attività di alternanza scuola-lavoro?

Sì, la sospensione vale fino al 3 aprile 2020.

Per pub, ristoranti e bar?

Sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, ristoranti e bar, con applicazione di specifiche sanzioni in caso di mancato rispetto.
Le attività di ristorazione sono consentite solo con consegna a domicilio, escludendo quindi l’apertura al pubblico.

E per gli altri esercizi commerciali?

Sono chiusi tutti i negozi di vendita al dettaglio, ad eccezione di tabaccai, benzinai, edicole, servizi bancari, assicurativi e finanziari (una lista completa è disponibile nell’allegato 1 del DPCM del 22 marzo 2020, che è possibile trovare cliccando qui).

Posso andare a messa?

Le celebrazioni della messa, così come qualsiasi cerimonia civile e religiosa (comprese quelle funebri), sono sospese fino al 3 aprile 2020.
Per disposizione del Vescovo di Albano, anche le chiese rimangono chiuse.

Possono esser celebrati i matrimoni?

Solo quelli civili, in Comune. E a condizione che la celebrazione avvenga esclusivamente alla presenza degli sposi, dei testimoni e dell’ufficiale di stato civile e mantenendo le prescrizioni in fatto di distanze minime.

Posso recarmi in biblioteca?

No, la Biblioteca comunale Giacomo Manzù resterà chiusa al pubblico sulla base di quanto previsto dalle direttive del Governo.

Gli uffici del Comune sono aperti?

Sì, gli uffici e i servizi di base vengono comunque garantiti, seppur con diverse limitazioni. L’accesso al Protocollo Generale e ai Servizi Cimiteriali (limitatamente alle pratiche di tumulazione) avverrà in modalità contingentata per consentire il rispetto delle distanze di sicurezza.
L’Ufficio Stato Civile opererà principalmente in modalità telematica (per i certificati è possibile inviare una mail a ufficiostatocivile@comune.aprilia.lt.it), mentre sono sospese presso l’Anagrafe le procedure per la nuova carta di identità.
Per tutti gli uffici e servizi, il ricevimento avverrà solo su appuntamento.

Di seguito i recapiti telefonici di ciascun ufficio:

  • Anagrafe: 335 1205426 (tutti i giorni dalle 9:00 alle 12:00 e il martedì anche dalle 16:00 alle 18:00)
  • Stato Civile: 06 92018207/208/209/203
  • Ufficio Elettorale: 06 92018213/216
  • Ufficio Messi: 06 92018210/801
  • Ufficio Tributi: 06 92018811
  • Lavori Pubblici: 06 92018715
  • Ufficio casa: 06 92018712
  • Servici Cimiteriali: 06 92018707
  • Passi Carrabili: 06 92018702 (Lunedì e Mercoledì ore 9.30-14.00; Giovedì ore 9.30-18.00)
  • Trasporti: 06 92018705
  • Tecnologico: 06 92018706 – 703
  • Ufficio Ambiente: 06 92018663
  • Servizi Sociali (Segretariato Sociale): 342 7813518
  • Polizia Locale: 06 9282826
  • Urbanistica: 06 92018689
  • Commercio: 06 92018665
  • Segreteria del Sindaco: 06 92018251-252

Il personale dei Servizi Sociali riceve già su appuntamento: i numeri di psicologi e assistenti sociali sono comunque reperibili qui.
Ogni tipologia di provvedimento che preveda la possibilità di istanza per via telematica, verrà ricevuta solo in tale modalità.

Si terrà questa settimana il mercato?

Fino al 3 aprile 2020 sono sospesi il mercato settimanale del sabato in via Bardi e via La Malfa e il mercato domenicale di filiera corta di via Bulgaria. Il mercato giornaliero di via degli Aranci rimarrà aperto dal lunedì al venerdì, ma sarà chiuso il sabato.
Nei giorni feriali è consentito lo svolgersi di mercati, ma soltanto con banchi di vendita di generi alimentari e rispettando le distanze di sicurezza. Gli operatori sono obbligati ad indossare guanti e mascherina.

I centri commerciali sono aperti?

I centri commerciali sono chiusi, ad eccezione dei punti vendita di generi alimentari.

Gli eventi sportivi sono stati annullati?

Come previsto dal Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri recante ‘Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19’, sono annullati tutti gli eventi in programma fino al 3 aprile 2020.
Rinviati a data da destinarsi gli spettacoli teatrali, gli eventi in calendario presso la Biblioteca comunale e tutte le manifestazioni e gli eventi in programma, di qualsiasi natura. Sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina salvo i casi previsti dal suddetto Decreto articolo 1 lettera c.

I centri sportivi sono chiusi?

Sulla base delle misure previste dal DCPM del 9 marzo 2020, i centri sportivi rimarranno chiusi fino al 3 aprile 2020.

Chi posso contattare per le questioni sanitarie?

Se avete sintomi non andate al Pronto Soccorso ed evitate il contatto con altre persone. Se avete febbre, tosse, dolori muscolari contattate telefonicamente il vostro medico di base o chiamate i numeri dedicati: 1500. Con prefisso telefonico 06 potete chiamare anche il numero 112, per tutti gli altri prefissi del Lazio 800 118 800.

Ci sono limitazioni negli ospedali?

L’accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA) e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.
È fatto divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attese dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei Pronto Soccorso (DEA/PS), salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto.

L’Ecocentro è aperto?

No, a partire dal 12 marzo 2020 e fino a diversa comunicazione, l’Ecocentro di via Portogallo rimane chiuso così come l’Ecosportello. Vengono sospesi anche il servizio di raccolta di sfalci d’erba del sabato in via Bulgaria e il servizio di raccolta domiciliare degli ingombranti.

E il conferimento dei rifiuti?

La raccolta differenziata porta a porta viene svolta secondo le consuete modalità.

Che fare se si arriva da una delle zone della cosiddetta “ex zona rossa”?

Chiunque abbia fatto ingresso in Italia, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 1* marzo, dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato o abbia sostato nelle aree geografiche del Paese dove il contagio è maggiormente diffuso, deve comunicare tale circostanza alle autorità sanitarie, compilando il modulo online su www.regione.lazio.it/sononellazio.
Compilato il form, occorre comunque rimanere in casa, osservando il divieto assoluto di spostamenti. Rimani raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza fino alla valutazione a cura del Dipartimento di Prevenzione.

Occorre indossare la mascherina?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda di usare la mascherina di protezione solo se si sospetta di aver contratto il nuovo Coronavirus e si presentano sintomi quali tosse o starnuti, oppure se ci stiamo prendendo cura di una persona con sospetta infezione da nuovo Coronavirus. L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani. Non è utile indossare più mascherine sovrapposte. L’uso razionale delle mascherine è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose.

Come va eventualmente indossata la mascherina?

È importante seguire alcune regole per indossare, rimuovere e smaltire in modo corretto una mascherina. Altrimenti questo dispositivo, usato per ridurre il rischio di contagio, “invece di proteggerci può diventare una fonte di infezione a causa dei germi che potrebbero depositarsi sopra”. Lo spiega l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in un videotutorial (link qui).

  • Prima di indossare una mascherina, pulire le mani con un disinfettante a base di alcol o con acqua e sapone
  • Nel coprire la bocca e il naso, assicurarsi che non vi siano spazi tra il viso e la mascherina
  • Evitare di toccare la mascherina mentre la si utilizza e, se necessario farlo, pulire prima le mani con un detergente a base di alcool o acqua e sapone
  • Sostituire la mascherina con una nuova non appena è umida e non riutilizzare quelle monouso
  • Per togliere la mascherina: rimuoverla da dietro (senza toccare la parte anteriore); buttarla immediatamente in un contenitore chiuso; pulire le mani con un detergente a base di alcool o acqua e sapone

Cosa posso fare se volessi dare una mano?

Puoi innanzitutto sostenere le nostre strutture sanitarie con una donazione.
Il Consiglio dei Giovani di Aprilia ha lanciato una raccolta fondi a favore dell’Istituto Spallanzani di Roma. Puoi effettuare una donazione dalla pagina dell’iniziativa, raggiungibile cliccando qui.
La cantautrice apriliana Giordana Angi ha invece aderito ad un’iniziativa simile, ma a favore dell’Ospedale Santa Maria Goretti di Latina. La pagina dell’iniziativa è raggiungibile cliccando qui.

Cos’è Solidarietà Digitale?

Si tratta di un’iniziativa pensata dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, che raccoglie servizi gratuiti messi a disposizione da imprese e associazioni, su tutto il territorio nazionale. Puoi trovare maggiori informazioni e l’elenco dei servizi, su solidarietadigitale.agid.gov.it.

Qui è possibile visionare la sezione Domande frequenti sul sito del Governo Italiano

Download:

Modulo di autocertificazione per gli spostamenti
10 azioni da seguire per contenere il virus, tradotti in 7 lingue straniere
Aggiornamento misure di contrasto all’epidemia da Coronavirus, tradotte in 9 lingue straniere